Cookie

Domenica 12 maggio si celebra la giornata mondiale di preghiera per le vocazioni. Il Centro diocesano vocazioni Don Gaetano Tantalo, guidato dal direttore don Gabriele Guerra, organizza una veglia diocesana di preghiera per le vocazioni, venerdì 17 maggio alle 21:00 nella parrocchia del Sacro Cuore in Celano. La veglia, dal tema Il coraggio di rischiare per la promessa di Dio, sarà presieduta dal vescovo Pietro Santoro.


Dal messaggio del papa per la cinquantaseiesima giornata mondiale di preghiera per le vocazioni
«La vocazione è un invito a non fermarci sulla riva con le reti in mano, ma a seguire Gesù lungo la strada che ha pensato per noi, per la nostra felicità e per il bene di coloro che ci stanno accanto. Naturalmente, abbracciare questa promessa richiede il coraggio di rischiare una scelta». E continua il papa: «Per accogliere la chiamata del Signore occorre mettersi in gioco con tutto sé stessi e correre il rischio di affrontare una sfida inedita; bisogna lasciare tutto ciò che vorrebbe tenerci legati alla nostra piccola barca, impedendoci di fare una scelta definitiva. Ci viene chiesta quell’audacia che ci sospinge con forza alla scoperta del progetto che Dio ha sulla nostra vita». Riferendosi alla «scelta di sposarsi in Cristo e di formare una famiglia», così come alle «vocazioni legate al mondo del lavoro e delle professioni», all’«impegno nel campo della carità e della solidarietà», alle «responsabilità sociali e politiche, e così via», Francesco spiega che «si tratta di vocazioni che ci rendono portatori di una promessa di bene, di amore e di giustizia non solo per noi stessi, ma anche per i contesti sociali e culturali in cui viviamo, che hanno bisogno di cristiani coraggiosi e di autentici testimoni del regno di Dio». Poi, rivolgendosi ai giovani, il papa li incoraggia a non essere «sordi alla chiamata del Signore». «Non fatevi contagiare dalla paura, che ci paralizza davanti alle alte vette che il Signore ci propone. Ricordate sempre che, a coloro che lasciano le reti e la barca per seguirlo, il Signore promette la gioia di una vita nuova, che ricolma il cuore e anima il cammino».


Ecco le foto della celebrazione


La testimonianza del seminarista Umberto


Il momento di adorazione eucaristica

Celebrazioni per san Luigi Orione,
protettore del volontariato marsicano

Il vescovo di Avezzano, mons. Pietro Santoro, ha elevato san Luigi Orione a titolo di santo patrono protettore di tutte le associazioni di volontariato della Marsica. Promossi dall’Istituto San Luigi Orione di Avezzano, sono diversi gli appuntamenti in preparazione alla festa del santo che si terrà nella giornata del 16 maggio.
Il primo appuntamento è l'adorazione eucaristica, a partire da giovedì 9 maggio dalle ore 9:15 fino a venerdì 10 alle ore 9:15, presso l’Istituto di Avezzano. L’invito è a pregare per le vocazioni sacerdotali e religiose. Nell’arco delle ventiquattro ore saranno disponibili sacerdoti per le confessioni. Il direttore don Bruno Fraulin e la comunità religiosa del centro Don Orione di Avezzano invitano tutti a partecipare alla preghiera.

Il 10 maggio presso il santuario dell’Opera Don Orione di Avezzano, alle 18:00 la santa Messa e alle 18:30 la speciale testimonianza di Liliana Cosi, artista, ballerina italiana e autentica testimone di fede e vocazione.
Liliana Cosi, milanese di nascita, si diploma nella Scuola di ballo del Teatro alla Scala di Milano come migliore allieva premiata da Wally Toscanini. Debutta nel 1965 nel teatro Bolshoi come protagonista nel Lago dei Cigni. Prima ballerina presso la Scala, raggiungerà i più alti livelli internazionali lavorando in tutto il mondo: Mosca, Londra, Stati Uniti, Bruxelles, Berlino, Bucarest, San Francisco, Cuba e Città del Capo. Fonderà l’Associazione Balletto classico con finalità di arte e cultura come presidente. L’avvenimento forte della sua vita avverrà in modo speciale intorno ai 20 anni, quando leggendo il Dialogo della divina Provvidenza di santa Caterina, inizierà un percorso interiore forte. Conoscerà Chiara Lubich (fondatrice del Movimento dei Focolari) ed inizierà come laica consacrata a vivere la sua vocazione di ballerina sul palcoscenico.

Il 14 maggio alle ore 10:30, presso la sala del Teatro Don Orione, la geologa dott.ssa Ida Dell’Arciprete, approfondirà il tema Esplorazione del pianeta Marte.
Ida Dell’Arciprete, nata a Chieti, ha conseguito nel 2003 la laurea in Scienze geologiche presso la facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali dell’Università D’Annunzio di Pescara. Le sue esperienze professionali sono ricche ed articolate in vari ambiti importanti. Attualmente è amministratore delegato di IRSPS srl, lavora presso la Società Ibn Battuta Centre Marocco; è responsabile logistica e geologica della Scuola Research Foundation International di Scienze Planetarie (IRSPS) presso l'Università D’Annunzio di Pescara.

Il prossimo venerdì 3 maggio alle ore 21:00, presso la chiesa del Sacro Cuore in San Rocco in Avezzano, ci sarà un incontro di formazione liturgico-musicale organizzato dall'Ufficio liturgico diocesano. L'incontro sarà guidato da mons. Antonio Parisi, della Consulta nazionale dell'Ufficio liturgico della CEI, ed è aperto ad animatori liturgici e musicali, cantori e direttori di coro, organisti e strumentisti, lettori e ministranti.


Iscriviti alla newsletter