Cookie

Ai Sacerdoti e alla Comunità Diocesana dei Marsi,

viste le norme del DCPM dell'8 marzo 2020,
viste le norme del DPCM del 9 marzo 2020,
visto il decreto “coronavirus” della CEI (CS n.11/2020),
per contribuire al contenimento della diffusione del COVID-2019

dispongo quanto segue.

  1. Sono sospese le celebrazioni delle messe feriali e festive fino al 3 aprile, salvo proroghe. Le chiese rimangono aperte secondo quanto stabilito dal comma 1, lettera v, art. 2, del DPCM del 08/03/2020. Si consiglia, per la celebrazione dell’Eucaristia sine populo, l’utilizzo di mezzi telematici che possano consentire la partecipazione interiore dei fedeli.
  2. È consentito portare l’Eucaristia ai malati solo sotto forma di Viatico da amministrare con tutte le dovute cautele. Anche per l’Unzione degli infermi ci si attenga alle stesse cautele.
  3. Sono vietate celebrazioni domestiche del Battesimo, che si potrà amministrare solo in pericolo di morte del neonato osservando tutte le norme precauzionali.
  4. È vietata la distribuzione della santissima Eucaristia nella chiesa e nell’abitazione del parroco perché non inserita in una celebrazione comunitaria.
  5. Il sacramento della Penitenza può essere celebrato nella sola forma del “Rito per la riconciliazione dei singoli penitenti”, rispettando il criterio di garantire non meno di un metro di distanza tra le persone.
  6. Le celebrazioni dei funerali sono sospese. Ci si limiti alla ultima raccomandazione e commiato con sola presenza dei familiari (lettera v art. 2 del DPCM 08/03/2020), presso il cimitero.
  7. Sono sospese tutte le attività pastorali per ragazzi, giovani e adulti presso le sale parrocchiali, fino al 03/04/2020, salvo proroghe. Per quanto possibili si usino mezzi telematici.
  8. Sono sospese tutte le manifestazioni ed eventi, pellegrinaggi, processioni ecc. fino al 03/04/2020, salvo proroghe.
  9. Sono sospese tutte le riunioni e assemblee diocesane fino al 03/04/2020, salvo proroghe.
  10. Gli uffici della Cura rimarranno chiusi al pubblico fino al 03/04/2020, salvo proroghe, compreso l’Archivio Diocesano. Per esigenze particolari rivolgersi direttamente al Vescovo, al Vicario Generale o al diac. Nazzareno Moroni.
  11. La mensa Caritas rimane aperta (il servizio ai poveri non ammette pause). Per la distribuzione dei posti a sedere si seguono le norme stabilite dal DPCM e dalle ASL. Anche il Centro d’ascolto e l’Emporio solidale rimangono aperti. Per l’accesso si seguono le norme vigenti.
  12. In questo periodo è bene procedere alla sanificazione dei luoghi di culto e delle sale parrocchiali.
  13. Considerando che le chiese restano aperte al di fuori del momento della celebrazione privata del sacerdote, si invitino i fedeli alla visita e all’adorazione personale del santissimo Sacramento. Inoltre si esortino i fedeli che sono nelle proprie case, oltre alla possibilità che hanno di assistere alla santa Messa attraverso la radio o la TV o internet, anche alla lettura e meditazione della sacra Scrittura, alla comunione spirituale, alla preghiera delle lodi mattutine e dei vespri, alla preghiera quotidiana del santo Rosario.

Nelle comunità si riscopra la dimensione concreta della fraternità: si è famiglia dei figli di Dio nell’assunzione della gioia e del dolore di un destino comune. Si attivino forme di solidarietà suppletive verso le persone più fragili (es. volontari che soccorrano quanti non possono uscire di casa per la spesa o acquisto di medicinali). La fraternità non si vive con la distanza degli occhi e del cuore.
Rivolgo un abbraccio ai malati e ai sofferenti: su di loro invoco la consolazione di Dio e la tenerezza di Maria santissima. Ai medici e al personale sanitario la gratitudine per la loro abnegazione.

Vi benedico come padre, fratello e amico.

Avezzano, 10 marzo 2020

+ Pietro Santoro


Scarica qui il decreto

Comunicazione di mons. Pietro Santoro in merito al Decreto coronavirus

Ai sacerdoti e alle comunità della Diocesi dei Marsi

Invio il comunicato con cui la Presidenza della CEI corrisponde al decreto odierno della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Si invitano i sacerdoti, le comunità parrocchiali e religiose all'accoglienza e all'applicazione del decreto come servizio di tutela della salute pubblica.

Avezzano, 8 marzo 2020
+ Pietro Santoro, Vescovo dei Marsi


Decreto coronavirus: la posizione della CEI

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA
Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali
CS n. 11/2020

La Chiesa che vive in Italia e, attraverso le diocesi e le parrocchie si rende prossima a ogni uomo, condivide la comune preoccupazione, di fronte all'emergenza sanitaria che sta interessando il Paese.
Rispetto a tale situazione, la CEI – all'interno di un rapporto di confronto e di collaborazione – in queste settimane ha fatto proprie, rilanciandole, le misure attraverso le quali il Governo è impegnato a contrastare la diffusione del coronavirus.
Il decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, entrato in vigore quest'oggi, sospende a livello preventivo, fino a venerdì 3 aprile, sull'intero territorio nazionale «le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri».
L’interpretazione fornita dal Governo include rigorosamente le sante Messe e le esequie tra le «cerimonie religiose». Si tratta di un passaggio fortemente restrittivo, la cui accoglienza incontra sofferenze e difficoltà nei pastori, nei sacerdoti e nei fedeli. L'accoglienza del decreto è mediata unicamente dalla volontà di fare, anche in questo frangente, la propria parte per contribuire alla tutela della salute pubblica.

Roma, 8 marzo 2020

Oggi è venuto a mancare don Angelo Rossi, nato a Ortona dei Marsi il 3 marzo 1937 e ordinato presbitero il 29 giugno 1968. Attualmente era parroco di Santa Maria Assunta in Opi.
Il rito esequiale sarà celebrato dal Vescovo mons. Pietro Santoro nella chiesa parrocchiale di Opi domani, domenica 8 marzo alle ore 15:30.
Per dare modo a tutti di seguire il sacro rito, il funerale sarà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook della Proloco di Opi.


 

Il seguente comunicato, espressione di tutti gli Arcivescovi e Vescovi della regione ecclesiastica abruzzese-molisana, è di conseguenza da applicare nella nostra Diocesi come in tutte le altre.

+ Pietro Santoro


Comunicato

Poiché per disposizione governativa scuole e università resteranno chiuse fino al 15 marzo quale misura precauzionale nei confronti della diffusione del coronavirus (Covid 19), anche le attività pastorali rivolte a ragazzi e giovani nella nostra regione ecclesiastica siano sospese fino alla stessa data. Invitiamo i credenti a frequentare le liturgie avendo cura di osservare le misure di precauzione già indicate nel comunicato del 25 u.s., evitando contatti fisici (ad esempio al segno di pace o nell’uso delle acquasantiere), ricevendo la santa Eucaristia nella mano e mantenendo le distanze minime suggerite fra le persone. Stia a cuore a tutti che quanto sta avvenendo non generi allarmismo, suscitando paure ingiustificate.
Ricordiamo l’importanza della preghiera affinché il Signore conceda la grazia della guarigione ai malati, consoli chi è nel dolore, preservi l’umanità intera dalla malattia, illumini e assista medici e infermieri, chiamati ad affrontare in frontiera questa fase emergenziale, oltre che coloro che hanno la responsabilità di adottare misure precauzionali e restrittive. Si possono adoperare pregando parole come le seguenti:

Signore Gesù,
salvatore del mondo,
speranza che non ci deluderà mai,
abbi pietà di noi e liberaci da ogni male!
Ti preghiamo di vincere il flagello
di questo virus che si va diffondendo,
di guarire gli infermi,
di preservare i sani,
di sostenere chi opera per la salute di tutti.
Mostraci il tuo volto di misericordia
e salvaci nel tuo grande amore.
Te lo chiediamo per intercessione di Maria,
Madre tua e nostra,
che con fedeltà ci accompagna.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.
Amen.


+ Bruno Forte, Arcivescovo di Chieti-Vasto, presidente della CEAM
4 marzo 2020

Iscriviti alla newsletter