Cookie

  • Fisionomia

    Geopastorale
  • CEAM

    Conferenza Episcopale Abruzzese Molisana

Pagina del Vescovo

La pagina del Vescovo mons. Pietro Santoro
Parrocchie della Diocesi

Parrocchie della Diocesi

Le nostre parrocchie

News

Le notizie della Diocesi dei Marsi nel dettaglio

Ottobre missionario straordinario 2019

36
Martedì 1 ottobre alle 18:00 Vespro solenne presieduto dal Santo Padre Basilica di San...
Apri per maggiori informazioni

27/09/2019: Concerto a Ortucchio

33
Venerdì 27 settembre in piazza Vittorio Emanuele a Ortucchio , p. Riziero Cerchi e don...
Apri per maggiori informazioni

22/09/2019: Convegno unitario di Azione cattolica

59
Il nuovo anno associativo 2019-2020 sarà caratterizzato dalla preparazione e...
Apri per maggiori informazioni

15/08/2019: Nostalgia struggente di felicità...

106
Riflessione del Vescovo Pietro sulla celebrazione liturgica dell’Assunzione di Maria in...
Apri per maggiori informazioni

04/08/2019: Presentazione del libro «Storie di...

141
Domenica 4 agosto alle 18:00 nella Chiesa di Santa Lucia in Magliano si terrà la...
Apri per maggiori informazioni

24/07/2019: Scomparsa di don Loreto Costrini

302
Oggi è venuto a mancare don Loreto Costrini , nato a Pescasseroli il 21 marzo 1929 e...
Apri per maggiori informazioni

Pietro,eremita, nato a Rocca di Botte (AQ), fin dai primi anni di vita si fece ammirare per l'integrità del comportamento, l'innocenza e la riservatezza. Da giovane i genitori lo costrinsero a prendere moglie, ma egli lasciò loro e la casa e si rifugiò a Tivoli (RM), dove venne accolto per qualche anno da Cleto, uomo morigerato e pio, e fece tali progressi da superare lo stesso maestro. Venuto a conoscenza della santità di Pietro, il vescovo lo annoverò fra i chierici. Lo stesso vescovo lo rimandò in patria, per richiamare i suoi concittadini alla pietà, ed egli con i suoi discorsi su argomenti pii li convinse a recedere dalla condotta di vita corrotta. Fu contrastato da uomini empi che gli si opponevano e lo deridevano, ma egli non cedette; fu anche aggredito, ma sopportò pazientemente i torti. Dopo due anni trascorsi in patria, su ispirazione della santa Madre di Dio, si recò a Subiaco (RM), dove rimase per sei mesi presso i monaci benedettini, e lì intorno si adoperò ad aiutare il prossimo. Fra l'altro si liberò dal demonio che gli impediva di pregare nella chiesa di Sant'Abondio. Quindi si recò a Trevi (PG) dove, vedendo il rilassamento dei cristiani, cominciò a richiamarli, invitandoli soprattutto alla frequenza della messa domenicale. Compì diversi miracoli, soprattutto guarendo i malati, e tutti ammirarono la sua santità. Infine, pieno di meriti e di santità, migrò verso il premio del cielo il 30 agosto. Il suo corpo cominciò ad emanare un odore che meravigliò i presenti.
La memoria liturgica si celebra il 30 agosto.


Iscriviti alla newsletter